North-American AT-6 "Texan" o T-6 G

North-American AT-6 "Texan" o T-6 G

25 ottobre 2021

Il Nord American AT-6 «Texan» era stato concepito come aereo da addestramento avanzato destinato ai piloti da caccia e questo spiega perchè il colore giallo. Lo possiamo annoverare fra gli aeroplani più conosciuti della guerra d'Algeria e ampiamente utilizzato in quel teatro d'operazione.

Ingrandisci l'immagine

T6 EALA Guelma marzo 1958

Il motore Pratt & Whitney R-1340-49 Wasp fu installato sull'antesignano del T-6 che era il prototipo NA-16 1.

Questo motore è uno dei più longevi e efficienti al mondo: Nella storia dell'aviazione troviamo questo montare montato su una serie interminabile di modelli volanti, elicotteri e aeroplani.

Il velivolo NA-16 vola la prima volta il 1° aprile 1935 che si evolve in diverse varianti per arrivare infine alla versione AT-6.

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA sorvola Serif 14 luglio 1960 Foto: Bernard Chenel

Con la crescita dei combattimenti in Algeria si rese necessaria l'utilizzazione in larga scala di apparecchi che possano effettuare delle missioni di attacco al suolo.

La prima ipotesi avanzata dallo Stato Maggiore francese di studiare la possibilità di attingere nella produzione di aeroplani nazionale pertanto alcuni aeroplani furono modificati per l'attacco al suolo Morane-Saulnier MS.733 Alcyon operazione che non dette i risiltati sperati.

Morane-Saulnier MS.733 Alcyon è un aeroplano da addestramento per l'Aviazione e la Marina francesi.
I prototipi volarono nel 1949 e il primo esemplare destinato alla vendita volò nel 1951.

Degli studi per un aeroplano francese avrebbe sicuramente preso del tempo dunque lo sguardo si volse verso aeroplani di produzione americana già presenti in Francia ricevuti con il mutuo aiuto PAM (plan Marshall 1947) o il MDAP (Mutual Defense Assistance Program) degli anni 1951 e 1952 nel quandro del Trattato dell'Atlantico Nord come aerei scuola.
Questi T6 scuola, furono inviati nei primi anni 50 in Algeria nelle scuole di pilotaggio presenti in Marocco precisamente nelle scuole di Marrakech e di Meknès, per poi essere armati e trasferiti in Algeria nelle unità combattenti.

Ingrandisci l'immagine

Decollo di una pattuglia di T-6 dell'EALA - Aeroporto Bugie

Con l'inizio degli "avvenimenti" algerini si rese necessario l'acquisto di un consistente numero di aeroplani provenienti dagli USA del tipo T-6 G, che furono consegnati nel 1956.
Ai primi 585 acquistati al mercato del surplus americano furono consegnati nel porto di Pauillac per essere trasferiti alla SFERMA (La Société Française d'Entretien et de Réparation de Matériel Aéronautique) de Bordeaux-Mérignac per essere modificati e utilizzati come aereo di appoggio con capacità di fuoco.

Ingrandisci l'immagine

Un T-6 dell'EALA un H-34 del reparto EH (Escadron d'Hélicopterères) Aeroporto di Orléansville 1960

Il T-6G 1 fu rapidamente impiegato nelle operazioni militari per ogni genere di missione, Riconoscimento, protezione convogli, appoggio a fuoco dei reparti a terra.

L'aeroplano fu impiegato a completamento della flotta su tutto il territorio algerino e prograssivamente avrebbe rimpiazzato i Morane-Saulnier 733

Morane-Saulnier MS.733 Alcyon è un aeroplano da addestramento per l'Aviazione e la Marina francesi.
I prototipi volarono nel 1949 e il primo esemplare destinato alla vendita volò nel 1951.

i velivoli Sipa 11 et 21

Derivato dall'aereo tedesco Arado Ar 396 che nel 1944 durante l'occupazione nazista, veniva costruito dalla ditta Sipa. Nessuno dei quattro prototipi messi in cantiere uscì dalla fabbrica.
Terminata la guerra la Sipa lo fabbricò con la denominazione S.10 e volò la prima volta il 29 dicembre 1944. La sua struttura in alluminio e compensato fu apprezzata dall'Aviazione Francese che ne comandò 31 esemplari.

e il veterano Morane Vanneau MS.470

Il Morane Vanneau MS.470 velivolo monomotore biplace in tandem, fut in parte basato su un progetto MS.450 che non ebbe avvenire. Ne riprendeva le ali (interamente in metallo), il carrello d'atterraggio, gli strumenti di volo e parti dell'impennaggio. Fu dotato di un motore allegerito Hispano-Suiza 12Y-51 da 690 Cv.
Il prototopo MS.470.01 effettua il suo primo volo il 22 décembre 1944 poco dopo la liberazione.

I T-6 saranno utilizzati in operazioni antiguerriglia a partire dal 1956.

Dal 1961 i T-6 G2 che alle volte risentivano dell'utlizzo eccessivo per la sorveglianza del territorio furono ritirati dal servizio man mano che i motori di ricambio venivano a mancare e gli aerei T-28 Fennec e Skyraider raggiungevano le basi operative, gli aerei recuperati furono consegnati alle scuole di volo e di addestramento dei richiamati.

Il North American Aviation T-28 Fennec è un aereo da addestramento militare con motore a pistoni utilizzato dalla Francia in Algeria.
Oltre al ruolo di addestratore è stato impigato con successo in vari teatri d'operazione in funzione anti guerriglia. Volò per la prima volta nel settembre 1949, fu progettato per sostituire il T-6 Texan.

Dopo il cessate il fuoco iniziò il lento abbandono delle basi aeree.
Gli aeroplani, gli elicotteri, i mezzi meccanici, furono raggruppati in alcune basi, i carrelli con le attrezzature e gli equipaggiamenti dei T-6, saranno trasferiti al mare e imbarcati sulle navi dirette in Francia.
Una parte degli aeroplani saranno dati alla Spagna e al Portogallo (56 T-6G furono dati al Portogallo, 46 nel 1961 e 10 nel 1962), ambedue questi paesi continuavano le guerre coloniali.

Ingrandisci l'immagine

Uscita di pista di un T-6 - EALA aeroporto Ain-Sefra 1961 Foto: Jean-Pierre Roussel

Ingrandisci l'immagine

Un T-6 dello squadrone EALA sorvola la regione di Paul Cazelles (oggi Aïn Oussara) 1957 Foto: Vincent Lassus

Ingrandisci l'immagine

T-6 - EALA sorvola la regione di Tebessa 1961 Foto Bernard Chenel

Ingrandisci l'immagine

Un T-6 - EALA sistemato su cavalletti per la prova delle armi di bordo Bir-Rabalou (oggi Bir Ghbalou) 1959

Ingrandisci l'immagine

T-6 Laghouat Mekrareg Aeroporto 1960

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Djidjelli 1958

Ingrandisci l'immagine

T-6 al campo di tiro Oued el Hachem 1961

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA sulla piazzola 1958

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Khenchela 1958

Ingrandisci l'immagine

T-6 dell’EALA Khenchela 1958

Ingrandisci l'immagine

T6 dell'EALA investe sulla pista un Jodel-120 Marche: F-OBEN Aeroporto di Philippeville (attualmente Skikda)

Il 5 marzo 1960 un T-6 dell’EALA si scontra con un Jodel 120 dell‘Aero Club di Pilippeville. Nel rovinoso scontro muore l'allievo pilota Ribeyrolles e gravemente ferito il comandante pilota Pierre Crémieux.

Ingrandisci l'immagine

T-6 dell'EALA Mecheria novembre 1958 Foto: Bernard Seguin

Ingrandisci l'immagine

T-6 dell’EALA Méchéria 1957 Foto: Guy Chabert

Ingrandisci l'immagine

T-6 dell’EALA (Escadron d'Aviation Légère d'Appui) aeroporto di Burdeau – ottobre 1956, il Fairchild F-OABA in fondo

Ingrandisci l'immagine

Intervento su un T-6 dell'EALA incidentato Bir-Rabalou Ottobre 1959

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA a Tebessa nella foto soldato Jean Gomanne - maggio 1959

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA sorvolo sulla regione del Djidjelli 1960 Foto: Bernard Chenel

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA sopra le montagne del Djebel Babor 1960 Foto: Bernard Chenel

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA sopra la regione del Bou Saada en 1959 Foto: Daniel Hartmann

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Guelma ottobre 1957

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Tebessa 1959

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Tebessa 1959

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Laghouat Mekrareg 1960

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA Ottobre 1959 Sono presenti mitragliatrici da 7,5, missili T10 e il razzo SNEB (è un razzo da 68 mm aria-terra non guidato prodotto dalla società francese TDA Armementsroquettes SNEB)

Ingrandisci l'immagine

T-6 EALA su Thiers ville 1957

Ingrandisci l'immagine

T 6 EALA-sorvolo Djelfa 1959 Foto: Daniel Hartmann