Gli Heinkel He-70 « Blitz » uso civile e commerciale

The Heinkel He-70 « Blitz » civil and commercial use

Seconda parte Heinkel He-70 « Blitz »

All'inizio del 1934 dopo i periodi di prova e dei record, l'Heinkel He-70B diverrà Henkel He-70A, consegnato alla flotta DLH (Deutsche Lufthansa) è immatricolato come D-2537 e battezzato "Blitz" (fulmine).

Il modello designato He-70C (o V3) con lo stesso motore BMV VI 7,3 Z, uscito dalla linea di montaggio, viene consegnato alla flotta civile tedesca e immatricolato D-3114 che divenne in seguito D-UBAF « Sperber » esposto al 13° Salone dell'Aeronautica di Parigi. Questi due prototipi furono in seguito ridisegnati e chiamati He-70B come tutti i tre esemplari di pre serie ordinati dalla DLH e redistrati con D-UBYL, D-UZUH, D-UPFT, presto trasformati in aerei per l'osservazione della neonata Lufwaffe ancora clandestina. Di questi tre esemplari, il primo servì come prototipo alla serie militare He-70F, gli altri due divennero He-70C e fecero parte di una squadra di 12 esemplari ordinati personalmente da Goring. Una seconda squadra di tre He-70D-O con motore BMW BMV VI 7,3 Z da 750 ch, sempre destinati alla Luftwaffe, D-URBIN « Falke », D-UDAS « Habicht », D-UGOR « Schwalbe ».

Nel 1935 la DLH completa la sua flotta dotandosi di nove He-70G-1 versione civile definitiva modificata per portare 5 passeggeri, con il posto di pilotaggio allineato all'asse della fusoliera (questa modifica sarà apportata a tutti i velivoli prodotti da questo momento in poi), con una capacità di carico aumentata.
Di questo modello ne furono costruiti 25 di cui uno per la Gran Bretagna D-UBOF , il resto andarono a rinforzare i gruppi della Luftwaffe. I velivoli destinati alla DLH, il He-70G-1 costruiti e consegnati erano: D-UBOX « Geier », D-UJUZ « Bussard », D-UKEK « Amsel », D-UMIN « Albatros », D-UNEH « Condor », D-UPYF « Adler », D-UQUIP « Rabe », D-USAZ « Bundespecht », D-UXUV « Drossel ».

All'inizio del 1934 il DLH utilizza gli He-70D-0 « Habicht » per un volo di propaganda sul percorso Berlino - Siviglia - Las Palmas. I 4.200 km del tragitto furono coperti in 13 ore e 25 minuti, questa apertura verso le Spagna con una linea regolare Stoccarda - Barcellona fa seguito alla vocazione internazionale della compagnia civile tedesca, inoltre con voli postali per il Sud America.

La compagnia aerea germanica assume sempre di più una configurazione nazionale con lo scopo di servire con voli diretti veloci le maggiori città tedesche: pertanto i tempi di percorrenza realizzati dal He-70 nelle seguenti tratte furono: da Berlino a Francoforte in 80 minuti, da Berlino a Colonia in 120 minuti, da Amburgo a Berlino 50 minuti e da Amburgo a Colonia in 70 minuti.
Nell'anno 1938 tutti velivoli He-70 saranno rimpiazzati dalla versione civile dell'Heinkel He-111 capace di portare 10 passeggeri, quattro uomini di equipaggio e vola per la prima volta all'epoca della nascita clandestina della Luftwaffe il 17 novembre 1934.

Alla Luftwaffe furono ceduti due He70 G-1, trasporto armato capace di tre passeggeri: D-UFAF, D-USOR; sei He70 G-2 con ruotino posteriore, specialmente equipaggiato per il trasporto di ufficiali superiori: D-UPET, D-UGEX, D-UHYQ, D-UHAF, D-UXUL, D-UFAL; si aggiunsero due He-70 F-2 utilizzati dalla compagnia « Hansa Luftbild » che sono: D-UKAF, D-UVYR. Non viene menzionato il He-70a prodotto come primo prototipo, che fu utilizzato nel 1932, solamente per le prove in volo nell'area della fabbrica senza essere immatricolato.

Gli He-70 versione militare della luftwaffe

Il dipartimento tecnico militare (C-Amt) del Luft-fahrtkommissariat militare si interessa al He-70 nel 1934. Le intenzioni del dirigente di (Deutsche Lufthansa) DLH, Milch non erano certamente legate allo sviluppo militare del He-70 era suo desiderio quello di sviluppare il progetto per il solo scopo commerciale. Altra idea avevano i dirigenti della Luftwaffe nazista ancora clandestina. Heinkel non può far altro che assecondare le richieste della neo Luftwaffe e su richiesta del C-Amt non verranno consegnati alla compagnia DLH i due He-70C da tempo richiesti e in fase di ultimazione. I velivoli saranno i prototipi di un eroplano di controllo e sorveglianza rapida. Gli aeroplani D-UHYS e D-UKOL furono inseriti in una prima fornitura di dodici macchine della serie C per la Luftwaffe, che erano tra quelle con le modifiche richieste e cioè: il posto di pilotaggio centrato rispetto all'asse della fusoliera e allungato fino all'altezza del bordo d'uscita dell'ala. Viene creato un posto con mitragliera mobile: il velivolo era definitivamente strutturato per ospitare tre uomini di equipaggio.

Spariscono le sistemazioni dei passeggeri e anche l'ublot di sinistra. Le modifiche furono immediatamente applicate a tutti i modelli He-70C. Le richieste per la trasformazione del He-70C forono applicate a due prototipi il primo denominato He-70e D-UFIL per il bombardamento leggero, il secondo He-70f D-UBYL simile al precedente ma sistemato come ricognitore a lungo raggio d'azione.
La carenatura dorsale ridotta in lunghezza terminava con una grande vetrata a protezione del mitragliere che operava su una mitragliatrice da 7,9 mm MG-15 alimentata da 26 caricatori da 75 colpi. Un vano bombe ricavato nella zona centrale della fusoliera, avrà una capacità di alloggiamento per 6 bombe da 50 kg, oppure 24 da 10 kg, la dotazione in carburante nei due serbatoi alari era di 320 litri, un serbatoio supplementare di 275 litri veniva alloggiato nella parte centrale del velivolo con la possibilità di essere sganciato in volo.

Nel modello He-70F viene sistemata una camera di ripresa cinematografica manuale protetta da una vetrata. Questi prototipi dettero il via alla fabbricazione dei velivoli serie E (bombardamento) e F (bombardamento e ricognizione). Relativamente pochi furono gli He-70E prodotti, le attitudini operative del He-70F erano giudicati più vantaggiosi.

I primi quattro F-O furono consegnati alla fine del 1934 seguitie varianti F-1, F-2 e F-3 1935 / 36 con migliorie nelle dotazioni strumentali e nella deriva verticale e flaps. Come gli altri modelli He-70E volavano con un motore BMW VI.7,3 Z da 750 hp al decollo.

L'organizzazione della Luftwaffe nel 1935 aveva una dotazione di 4.021 aerei di cui 72 da ricognizione rapida. Questi saranno aggregati al « Fernaufklarungs-gruppen » (Gruppo di ricognizione lontana) mentre gli He-70F servirono nel gruppo ricognizione strategica che avrebbe dovuto operare per reperire gli obiettivi allo stormo di bombardardieri leggeri, nonché al sostegno al suolo in tutte quelle missioni che lo richiedevano e dove il velivolo era perfettamente adattato.

Si deve notare che gli equipaggi non furono entusiasti delle prestazioni generali di queste macchine: la loro velocità impediva una analisi dettagliata degli obiettivi osservati, ne alla loro configurazione alare, ne alla capacità dei piloti, di adattarsi a prendere posto in una cabina di pilotaggio chiusa da dove si usciva solamente dal basso in un tragitto fortemente limitato dalla presenza del paracadute. Queste rimostranze furono certamente le cause principali della corta carriera dei monoplani Heinkel, in prima linea, a cui si preferiva il caccia della Luftwaffe il biplano He-51.

Quanto agli He-70E, 27 di loro operarono incorporati nella prima unità di bombardieri in picchiata messa in servizio nel 1936: il I° Gruppo Stuka Geschwader 152, ribattezzato IV (Stuka) LG-1 che sa rà l'anno seguente basato a Barth (città tedesca del Land Meclemburgo-Pomerania Anteriore). Altri tre He-70E operavano di concerto con dei biplani Henschel Hs-123 (del produttore Henschel flugzeugwerke A.G.), in seno di ciascuna delle staffeln del II - 162 a Luebeck-Blankensee (1936 / 1937). La loro utilizzazione fu deludente e furono rapidamente rimpiazzati dallo Junkers Ju 87, detto anche Stuka (in tedesco Sturzkampfflugzeug). In settembre 1938, 73 He-70 rimasero in forza alla Luftwaffe di cui 49 immediatamente disponibili. Un anno dopo tutti i velivoli saranno spostati nelle A e B Schulen (addestramento) e nelle « Kurrierstaffeln » (comunicazione e collegamento). In totale 296 H-70 militari furono costruiti (compresi gli He-170 nome dato ai velivoli destinati all'Ungheria).

A seguire:


Lo Junkers Ju 87 è un bombardiere in picchiata e per molto tempo è stato un elemento essenziale della Blitzkrieg. Sviluppato nella metà degli anni '30 dal fabbricante tedesco Junkers ebbe successo immediato surclassando rapidamente tutti i concorrenti biplani poiché era tecnologicamente più moderno rispetto ai velivoli contemporanei.


La Henschel flugzeugwerke A.G. nel 1933 progetta e realizza il biplano per il bombardamento in picchiata l'Hs 123. Questo aeroplano considerato obsoleto all'inizio della Seconda Guerra Mondiale, resterà in prima linea fino al 1944. Volò la prima volta nella primavera del 1936 e fu presentato agli acquirenti della Luftwaffe l'8 maggio dello stesso anno.


Concepito all'inizio come bombardiere l'Heinkel He 111 è un aeroplano tedesco della Seconda Guerra mondiale costruito dalla società Ernst Heinkel Flugzeugwerke a Rostock, proprio all'epoca della nascita clandestina della Luftwaffe.


Uno degli ultimi biplani in forza all'aviazione militare tredesca, il He 51 proviene da una lunga serie di studi per la produzione di aerei biplani biposto costruito dalla Ernst Heinkel Flugzeugwerke.