Amici di Volare Fly Free

15 luglio 2018

Aeroclub Cluj-Napoca

Ingrandisci l'immagine

Lidia Goaja pilota d'aliante e di ULM - Un aliante IS-28B2 fabbricato dalla IAR Brasov

Una bella giornata per far visita all'Aeroclub di Cluj-Napoca dove abbiamo trovato come sempre nei Campi di Volo e aeroporti amicizia e ospitalità.
Abbiamo fatto conoscenza con i vari piloti istruttori (solo di alcuni abbiamo il nome), e con i loro giovanissimi allievi.

08 marzo 2016

Guido Procacci con il suo Fly Synthesis Storch

Ingrandisci l'immagine

Guido Procacci con il suo Fly Synthesis Storch

Ho conosciuto Guido in uno dei miei vagabondaggi per campi di volo, in questo particolare caso, mentre mi recavo a Roma.
L'ho visto volteggiare sopra Umbertide e mi sono fermato a guardare il volo, finchè lo visto scomparire in atterraggio, dietro gli alberi che costeggiano la superstrada.
Il campo di volo e seminascosto dai riporti di terra della strada e dai capannoni delle imprese della zona industriale.
Finalmente ho raggiunto l'Hangar dove vedo Guido.
Mi aspettavo un'accoglienza amichevole ma non così aperta e spontanea: ero uno sconosciuto ma Guido non ha esitato a invitarmi a sedermi con lui per fare conoscenza.
Mi ha raccontato le sue avventure di pilota, le sue abilità nel mantenere in efficenza il velivolo, e mi ha fatto partecipe delle problematiche legate al volo in quella zona.
Sono contento di essere suo amico.

Ingrandisci l'immagine

Guido Procacci e Severino Tognoni

Ingrandisci l'immagine

 

 

< Precedente123Seguente >

 

Ingrandisci l'immagine

SIAI-Marchetti SF-260 con identificativo D-ESMC fotografato a Montagnana in giugno 2018

SIAI-Marchetti SF-260 - D-ESMC

Velivolo con caratteristiche particolari molto indicati come aggestratore di base per i futuri piloti.
Fu uno spendido prodotto dell'industria italiana del tempo che continua a tutt'oggi, con un successo ragguardevole a livello mondiale.
Aeroplano interamente metallico è dotato di una avionica di ultima generazione per tutti i velivoli in produzione fin dai primi anni, tecnologia che lo hanno reso celebre.
Progettato dall'ingegnere meccanico Stelio Frati, si dimostrò in grado di competere con gli aerei della sua classe a livello mondiale con pochi rivali nella classe basic trainer.
Diversi paesi ne acquistarono molti esemplarei tra cui la Belgian Air Force, Turkey Air Force, Fuerza Aerea Uruguaya, mentre altri Paesi ne acquistarono un numero limitato soprattutto fra quelli smessi dai loro paese europei di riferimento.
Grande performance ebbe l'utilizzo di questo particolare velivolo del motore a sei cilindri orizzontali, contrapposti, raffeddato ad aria, il Lycoming della serie 540 (Avco Lycoming 0-540-F4A5 ) che dava una buona velocità (450 Km/h) unica performance buona per l'uso come velivolo tattico di attacco a terra.
Dal primo volo che avvenne il 15 luglio 1964 resta un velivolo a grande produzione, ancora oggi Alenia Aermacchi produce lo stesso modello concepito negli anno '60 e i nuovi modelli in produzione come il turboelica SF-260TP.
Ci sembra doveroso fare una comparazione con il trainer prodotto dalla New Zealand manufacturer AESL - Pacific Aerospace Corporation CT/4 Airtrainer, nella città di Hamilton Nuova Zelanda: interamente metallico con lo stesso motore del SF-260, il Lycoming AEIO-540 L1B5. Il velivolo in questione è usato dalla Royal Australian Air Force, Royal New Zealand Air Force, Republica of Singapore Air Force e dalla Royal Thai Air Force, come trainer e non è armato.
Gli aerei conepiti per operazioni di combattimento come appoggio tattico alle truppe di terra, devono avere le ali "sfinate" per evitare ampie superfici alari pericolose se colpite da colpi di carabine da terra. (Vedi Grafici)
Un grande limite resta il peso trasportabile in armamenti o altro.

Ingrandisci l'immagine

Motore Lycoming della serie 540 (Avco Lycoming 0-540-F4A5)

Ingrandisci l'immaginePacific Aerospace CT/4 Airtrainer

Pacific Aerospace CT/4 Airtrainer - Photo ©: George Canciani (photos at airliners.net)

Ingrandisci l'immagineGrafica del PAC CT4 AIRTRAINER

Grafica del PAC CT4 AIRTRAINER

Ingrandisci l'immagineGrafica del SIAI-Marchetti SF-260

Grafica del SIAI-Marchetti SF-260

Fokker F27 identificativo I-MLGT

Fokker F27 con la sigla I-MLGT parcheggiato in esposizione museale a Montagnana in provincia di Padova (Este)

Ingrandisci l'immagineFokker F-27 500 sigla I-MLGT - Montagnana

Fokker F-27 500 sigla I-MLGT - Montagnana

Articoli di aviazione recuperati da vecchie riviste trovate in giro.