Aeronautica Militare Italiana

Ringraziamo tutti coloro che ci hanno permesso l'uso delle foto che riteniamo importanti per la conoscenza dell'Arma Aeronautica e degli uomini che vi hanno operato con abnegazione e sacrificio.
Ci scusimo per la mancanza e le eventuali imprecisioni di nomi, luoghi e date.
Ringraziamo tutti coloro che ci possono dare le informazioni in merito e liberare "dall'anonimato" le immagini.

L'aeronautica Militare Italiana è una delle quattro Forze Armate con il compito di operare in ambito di difesa aerea del territorio italiano partecipando con uomini e mezzi alle missioni internazionali di pace.

L'Aeronautica Militare oltre ad operare sul territorio nazionale con una costante sorveglianza, è integrata nel sistema di difesa NATO.

La sua nascita avviene con l'emanazione del regio decreto 28 marzo 1923, e a tuttoggi l'Aeronautica Militare è al servizio del Paese acquisendo un ruolo importante nella operatività aerea a tutti i livelli.

Fino al 1982 si occupava del controllo del traffico aereo contribuendo a rendere sicuro, il volo degli aeromobili.

La nostra Forza aerea ha partecipato con successo ad interventi militari in vari teatri d'operazione nel mondo, sotto l'egida dell'ONU (Nazioni Unite) e Nato (Allenza Atlantica).

L'Avvocato Fabio Bruno figlio del pilota Antonio Bruno ci ha permesso la pubblicazione delle foto con il papā e ci fa notare degli errori nell'attribuire i nomi degli aviatori nelle foto. Provvediamo con sollecitudine.

Il papā Antonio gli ha trasmesso la passione per il volo e della conoscenza del mondo aeronautico.

Fabio raccoglie con cura tutte le foto del mondo dell'Aeronautica catalogandole e pubblicandole in Internet

Ingrandisci l'immagine

Macchi M 416

Il Macchi M 416 è un velivolo scuola prodotto dalla Macchi nel 1950 dopo aver acquistato la licenza dalla Fokker dopo aver smesso di produrre il Macch MB 321.
Biposto ad ala bassa a sbalzo fu dotato nei dieci anni che rimase in produzione di due motori: Lycoming 0-435-A e il Lycoming 0-435-1 rispettivamente da 192 CV a 2550 giri e 185 CV.

Possiamo dire che fu un aereo scuola con caratteristiche confacenti all'allievo al primo contatto con il volo.
L'equipaggio godeva di una buona visibilità e aveva i paracadute a seggiolino obbligatorio su tutti i velivoli.
L'ala era rivestita in parte da tela mentre la fusoliera aveva un rivestimento totalmente metallico.

Ingrandisci l'immagine

Macchi M 416 - 1959

A sinistra il comandante pilota Antonio Bruno davanti il Macchi con a fianco il tecnico di volo.

Ingrandisci l'immagine

Fabio Bruno

Ingrandisci l'immagine

Beechcraft C45 Aereo Scuola 10

Ingrandisci l'immagine

Douglas Dakota C47 dell'Aeronautica Militare Italiana

Ingrandisci l'immagine

Alghero maggio 1971 - Aviatori presenti nella foto, da sinistra: Antonio Bruno, Bernardo Pierdica, Ugo Meloni, Rolando Aielli, Oberdan Cattani, Carlo Foschini, Michelino Fois

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Alghero 1964

Scuola di Volo Velivoli Leggeri - Foto di gruppo di aviatori italiani e allievi della Repubblica del Congo. Nella foto al centro il Col. Guido de Petra perito in un incidente aereo ad Alghero il 30 07 1964

Ingrandisci l'immagine

Comandante Capaldo Scuola di Volo Caserta

Ingrandisci l'immagine

Alghero 1965 Corsi selezione per l'Accademia Aeronautica. Al centro Azzena Francesco, Ultimo a destra il pilota Antonio Bruno

FIAT G.59

Ingrandisci l'immagine

Fiat G-59

Ingrandisci l'immagine

Fiat G-59

Ingrandisci l'immagine

Fiat G 59 con livrea metallica con marche D-FIAT

Ingrandisci l'immagine

Fiat G-59 con Motore Rolls Royce Merlin a Rivolto Del Friuli

Ingrandisci l'immagine

Fiat G.59 marche I-MRSV a Rivolto

Ingrandisci l'immagine

Il primo a sinistra č Antonio Bruno l'aeroplano e un North American T6 D MM53418

Ingrandisci l'immagine

Tecnici davanti a un Piaggio P 148 - Tenente Dalmazio Vacca e personale di servizio. Alghero SVBIE (Scuola Volo Basico Iniziale Elica), primi anni '60 Il Gruppo GEV composto da specialisti e civili AM con i nostri Perino, Gallo, Fozzi, Bianchi

Ingrandisci l'immagine

Piaggio P 148

Ingrandisci l'immagine

Piloti dinanzi a un Beechcraft C-45 ad Alghero Il primo a sinistra č Antonio Bruno

Ingrandisci l'immagine

Il Segt.Magg. Vittorio Tognoni al corso per Operatori Radio a Chiavari nel 1954

Ingrandisci l'immagine

Carletto Arru e Toniovic Tososki AB 212 della 660^ Squadriglia S.A.R. di Amendola

Ingrandisci l'immagine

AM 15 28 SAR AB-204

Ingrandisci l'immagine

Antonio Vincenzo e Tosiani

Ingrandisci l'immagine

Piloti dell' 8° Gruppo ID a Montichiari il giorno della chiusura del reparto (1 Settembre 1962)

Ingrandisci l'immagine

AB-204 dell'Aeronautica Militare registrazione 51 81

Ingrandisci l'immagine

AB-212 dell'Aeronautica Militare registrazione 51 82 S.A.R.

AB 212, MM81151 51-82, 51° Stormo, 651a Squadriglia, fotografato a Istrana il 29 agosto 1985. (Foto Anselmino)

Convenzione internazionale sulla ricerca ed il salvataggio sul mare chiamato come: SAR, acronimo di search and rescue

Ingrandisci l'immagine

AB-204 codice di registrazione 1-01 in forza alla 1^ Aerobrigata con compiti S.A.R. Venezia-Lido

Ingrandisci l'immagine

AB-204 codice di registrazione 1-03 in forza alla 1^ Aerobrigata con compiti S.A.R. Venezia-Lido

Ingrandisci l'immagine

AB-212 codice 51-83 Velivolo appartenente al 651^ Squadriglia S.A.R. del 51° Stormo - Aeroporto di Thiene 07 maggio 1988

Ingrandisci l'immagine

AB-212 codice 51-70 Elicottero Aeronautica Militare - Aeroporto Boscomantico (VR) Foto Adriano Agnoli

Ingrandisci l'immagine

AB-212 codice 53-50 VICENZA 30 Settembre 1984 Foto Adriano Agnoli