PZL-104 Wilga 35

11 Aprile 2021

Il PZL-104 Wilga dal nome poetico, è uno STOL molto apprezzato nei paersi dell'EST Europeo per il traino di alianti, robustezza generale e per la capacità ad utilizzare senza problemi i terreni erbosi.
Costruito in molteplici versioni dal 1962 anno del suo primo volo, fino al tutto il 2006.
A partire dagli anni '2000 si presentò il problema di una riduzione degli ordini di acquisto poichè la clientela composta da scuole di pilotaggio aerea e aeroclub prestava la sua attenzione ad altre marche di velivoli della stessa classe. Da quì la decisione della ditta PZL Warszawa-Okecie (assorbita da un produttore di tecnologie spaziali, nel 2001) a cessare la produzione.

Ingrandisci l'immagine

In origine il PZL-104 fu oggetto di revisioni per una serie di difetti di progettazione tra cui il peso eccessivo della cellula e una scarsa visibilità posteriore che impediva una visione ottimale dell'aliante trainato. Una completa riqualificazione del velivolo si rese necessaria: una fusoliera completamente nuova più sottile e notevolmente rafforzata.
Non vennero ristrutturate le ali poiché ritenute riuscite.
Le porte laterali furono modificate per aprirsi verso l'alto e rimanere aperte, per una migliore osservazione aerea o per la facile uscita di paracadutisti.
L'aeroplano era stato programmato per l'adattamento della cellula a ospitare una barella per l'uso come ambulanza aerea, questo dimostrava la duttilità d'uso del velivolo.
Il suo utilizzo si è distinto negli anni come addestratore e come trainatore.

Nei modelli di prima produzione il propulsore era un motore russo radiale da 9 cilindri Ivchenko AI-14, prodotto in seguito dalla società ceca Avia Motors s.r.o. con la sigla M462.

Il motore Ivchenko AI-14 a nove cilindri, raffreddato ad aria, fu un propolsure a largo utilizzo in Unione Sovietica e nei paersi satelliti.

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine